Quanto è buia la strada per la Redenzione?

Ti chiedi sempre se sia questo il posto giusto, se vale la pena non andarsene solo per stare vicino alla famiglia, se è giusto restare a lottare oppure no, perché il mondo è là fuori e hai 22 anni, vuoi scoprire cose nuove, credere che sia questo il modo migliore per valorizzare la tua vita, consacrarti da uomo lontano e poi magari un giorno tornare per lasciare un segno indelebile.


Tornare ma perché? I ricordi restano momenti incancellabili, il librone che non hai mai letto recitava: “Nemo propheta in Patria”.
Esempio: tutti coloro che nella storia sono stati ricordati da esempi, probabilmente non avrebbero mai voluto esserlo.
Inconsapevolezza o ignoranza?
La seconda la escludo, sulla prima penso…
E che penso? Che magari a volte c’è bisogno di lei, di ingenuità, sregolatezza, follia dosata e soprattutto di amore, ma non solo per qualcuno, anche amore per ciò che si fa, si studia, si produce.
Su Lei dico che non è quello che pensano tutti, non è il “Guagliùùù iari sira sugnu statu ccu cchillaaaaaa!”, di più, spingi di più, te lo chiede lui ➡❤.
Non ti cerco, non ti voglio, poi ti trovo e non mi vuoi, poi ti vedo e non mi senti, poi mi senti e non mi vuoi.
Che paradosso… Che strano periodo sembra che il tempo passi due volte più velocemente.

Poi ti svegli sono le 8 all’indomani di una sbronza e capisci di essere solo in hangover, che hai buttato giù ‘ste due righe in 17 minuti, ma le ricontrollerai solo dopo esserti svegliato per la seconda volta perché ora la testa gira troppo.
Scrivo quindi sono.

E scusate gli errori, mi scoppia il cranio.

Leggi anche...

1